Mobilita’ sostenibile in provincia di Bolzano: gli spunti dalla diretta di Rai Alto Adige e le domande che rimangono tuttora sul tappeto (1)

22 Giu

Interessante la trasmissione Passpartù IL PUNTO: MOBILITA’ diretta da piazza Walther trasmessa sabato 6 giugno 2015 in diretta e replicata domenica 7 mattina. Il video lo si trova sul sito di Rai Alto Adige –> Mediateca –> 6 e 7 giugno 2015 (purtroppo non c’è un link diretto).

Piazza Walther a Bolzano ripresa all'inizio della trasmissione.

Piazza Walther a Bolzano ripresa all’inizio della trasmissione.

Ebbene, la panoramica delle auto ecologiche inizia con una puntatina… al passato visto che al minuto 9′ della trasmissione ci si sofferma su una vettura elettrica, che però non si nomina. Si tratta della Th!nk che di diritto era da iscrivere fra le auto storiche visto che si tratta di un modello che non viene più prodotto ormai dal 2011 visto che chi l’ha prodotta in varie fasi è fallito quattro volte e ci si è scottata le dita pure la Ford. Problemi: costi elevati, prezzo finale elevato, poca produzione… peraltro un refrain che coinvolge un po’ anche le auto EV d’oggi.

La Th!nk in piazza Walther a Bolzano, auto elettrica la cui produzione è terminata nel 2011 in Europa e nel 2012 negli Stati Uniti.

La Th!nk in piazza Walther a Bolzano, auto elettrica la cui produzione è terminata nel 2011 in Europa e nel 2012 negli Stati Uniti.

Se la “… capacità di capire dove va il mondo…” (cit. Ezio Zermiani) la si misura con la Th!nk, auto fuori produzione da quattro anni, buonanotte!

Dal minuto 11′ sul metano, lascio perdere e non commento quanto detto dal quel “signore” che si fa definire “giornalista” quando non lo è e si vanta pure di non esserlo e gestisce un sito velinaro che viene definito e definisce “rivista“. Se si vuole sapere qualcosa sul metano per auto, consiglio andare su metanoauto.com. Sul biometano, cerchiamo di non essere ridicoli. Basta attraversare il Brennero e il biometano lo si trova e ci si può rifornire ormai da anni. Di quale “sperimentazione” ci sia ancora bisogno, non si sa, solo gli allocchi ci cascano. In Alto Adige il biometano, per la cronaca e a prescindere dalla vergognosa situazione italiana tuttora di stallo, è stato letteralmente snobbato per l’impiego nell’autotrazione, vedasi il demente caso dei bus a gasolio di cui ormai da quattro anni ho dedicato questo blog.

Parla dimetano e biometano un pseudo-"giornalista"... lasciamo perdere, per favore!

Parla di metano e biometano un pseudo-“giornalista” di una “rivista”… lasciamo perdere, per favore!

Al minuto 13’15 “siparietto” con il Sindaco di Bolzano, anche se è sembrato giusto poco spontaneo. Ecco, anche quest’auto (la Renault “Fluence Z.E.” elettrica, ho linkato la pagina in inglese visto che quella italiana è obsoleta) sarebbe stata da inserire fra le auto “storiche” perché pure questa è andata fuori produzione nel 2013 per scarso successo commerciale (costo, pesantezza, scarsa autonomia, pochi modelli venduti, ecc.) alla pari della citata Th!nk e risulta oggi prodotta solo in Corea del Sud.

La Renault Fluence Z.E. del primo cittadino di Bolzano, ormai da ascriversi alla categoria "youngtimers".

La Renault Fluence Z.E. del primo cittadino di Bolzano, ormai da ascriversi alla categoria “youngtimers”.

Dal minuto 15’30” circa si parla di idrogeno. “Energia autarchica” la definisce il conduttore… vabbeh, peccato che ci si sia del tutto “smarriti” sulle altre alternative. Il ritorno in piazza, dopo il video di H2AltoAdige, si parla di STA per il progetto idrogeno. Per la verità sarebbe da fare un po’ di chiarezza di chi fa cosa, ma forse è solo un dettaglio… Giusto per la cronaca, alla STA potrebbero anche investire nel proprio sito internet visto il ruolo che svolgono…  vedasi sotto che razza di sito minimalista e del tutto fuori da qualsiasi regola di comunicazione per un sito istituzionale.

Il sito web della STA Alto Adige. Nonostante il ruolo nel trasporto pubblico, una vera e propria misera comunicativa nel web made in Sudtirolo.

Il sito web della STA Alto Adige. Nonostante il ruolo nel trasporto pubblico, una vera e propria miseria comunicativa nel web 2.0 made in Sudtirolo.

Davanti al bus a idrogeno del progetto Chic.

Davanti al bus a idrogeno del progetto Chic.

Dopo la presentazione (un po’ lunghetta e a tratti semplicistica) del direttore della STA Dejaco, al minuto 19′ è arrivata la responsabile del progetto Chic in ambito di STA, Marlene Rinner, che evidentemente ha voluto rispondere alla mia lettera che era stata pubblicata proprio quel giorno sul Dolomiten (vedi post precedente). Spiacenti, ma parlare solo della riduzione della CO2 (190 t di CO2 dall’introduzione dei cinque bus), beh è un po’ fuorviante. Altro che “quando si parla mobilità alternativa si parla di risparmio di denaro” e “bisogna spostare l’idea dal risparmio economico a quello ambientale” come ha riferito il conduttore.

L'ing. Rinner, a sinistra, durante il suo intervento.

L’ing. Rinner, a sinistra, durante il suo intervento.

“Tanta gente si fissa sui costi di acquisto di questi autobus ma non tiene conto che con questa tecnologia facciamo qualcosa per l’ambiente, per la salute, abbattiamo le emissioni del CO2 e altre emissioni nocive, anche del particolato e questo contribuisce alla salute…” Eh no, cara ing. Rinner. Qui il problema va visto nel suo complesso. Come ho già evidenziato tante volte, il medesimo risultato e in scala assai più grande si sarebbe ottenuto comprando autobus a metano. Con i 5,5 milioni di Euro spesi per i 5 bus H2 si potevano comprare circa 23/24 autobus a metano con tutti i benefici che ne conseguivano in termini di quasi assenza di particolato, di NO2 (biossido di azoto) e pure di diminuzione di CO2 ( -10% che diventa -90% col biometano). Questo avrebbe potuto avvenire parallelamente all’acquisto dei bus H2 invece Provincia e Sasa hanno deciso di comprare al massimo risparmio e puntato al gasolio (solo all’acquisto, i conti del carburante e dell’additivo adblue vorrei vederli…) solo ed esclusivamente per ovviare alla tremenda vetustà dei mezzi Sasa visto che fra 2007 e 2013 grossi acquisti di bus non sono avvenuti. E nessuno ne ha mai spiegato le ragioni. Facendo delle incredibili capriole per cercare di giustificare tali acquisti, ma è tutto ben documentato su questo blog.  C’è inoltre un altro punto: il ragionamento non cambierà se e quando si acquisteranno altri 20 bus H2 entro il 2020. Che non copriranno MAI la flotta Sasa (e Sad). A prescindere che i contributi UE in futuro saranno ben inferiori (si parla di 200mila Euro per mezzo), quindi i bus H2 costeranno grosso modo circa il doppio rispetto ad un bus a metano (dato appreso alla fiera UITP di Milano l’8 giugno 2015), oggi non c’è nessuna indicazione  di cosa si vorrà fare del restante della flotta a differenza delle scelte programmate, ad esempio, in Trentino. Un silenzio assordante che fa pensare che si ripeta nuovamente il massiccio acquisto di altri (stramaledetti) bus a gasolio pensando di risparmiare. Ah sì? Andate a parlarne con l’ing Bottazzi della Tper di Bologna: dice esattamente le stesse cose che sto ripetendo da quattro anni a questa parte. Guardate Parigi: nel progetto bus2025 c’è spazio per bus ibridi (anche se con tale soluzione il gasolio rientra dalla finestra) e, udite udite, autobus a biometano. Di bus H2 manco l’ombra. Domanda: “chi è lo scemo adesso”? (è un modo di dire, beninteso, prima che qualcuno si ritenga in qualche modo offeso). Anche perché i soldi per comprare i bus sono pubblici, quindi di certo è relativa l’affermazione che non bisogna guardare ai costi dei bus. Lo si vada a dire ai cittadini che utilizzano ancora bus vecchi a Bolzano!

Dopo il video di spiegazione sui bus H2, dal minuto 24′ circa via al presidente di Sasa Pagani davanti al vecchio bus d’antan. Mi soffermo solo su di una frase sul “confort dei mezzi” e che “di recente sono stati rinnovati una quarantina di autobus”. Ecco, caro presidente Pagani, perché ha glissato sul fatto, dopo aver sentito le stra-lodi per i bus a idrogeno, che questi sono a gasolio? E che poi tanto silenziosi non sono? Giusto per curiosità!

Il presidente di Sasa Pagani, un'eleganza di... altre cinture.

Il presidente di Sasa Pagani, un’eleganza di… altre cinture.

 (1 – continua)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: